Vecchio Metato written by Karl Maria Santini

Vacilli capanna bicocca,

tua era la silente notte,

ardeva il tizzo sotto la pula,

rosolavano quasi cotte

castagne attese con premura.

Stese dentro caldi scrigni

cercavano un breve sollievo,

l’aspettavano mugnai incipriati,

bianchi come cigni,

per l’ultimo sospiro.

Ma quel fumo turchino

non è fuggito dai retini degli orti,

delirante e indefinito

è inalato da disperati quasi morti!

Altri fumi, altri cheti orti,

altri odori, altre sorti.

Segui Karl su: http://arrachione.blogspot.com



Annunci

3 thoughts on “Vecchio Metato written by Karl Maria Santini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...