Come è allora che non succede una nuova rivoluzione? posted by Anna De Rosa

..finalmente UNA DONNA

 che scrive quello che pensa con coraggio….

ma Concita il fatto è che gli Italiani :

ad es. mio nonno uomo di 2 guerre mondiali,

era integro con idee ,etica senza ipocrisia… 

mio padre che ha vissuto solo la 2 guerra

 già era un pagnottaio ( quelli che vanno dove c’è da mangiare !)

 poi il ’68 e poi ..?

 eccoci qua …

ma se io sono diversa e tu Concita sei diversa

 e non abbocchiamo

 e ce ne sono di altre persone vere,

 come è allora che non succede una nuova rivoluzione??

Come è che Veronica per non perdere il “pagnottone” sta zitta?

è scomparsa ??

e sì Veronica prendi i soldi e scappa…

QUESTA è la GRANDE LIBERTA’! avere i soldi…

grande ipocrisia pensare che lo fa per i figli…quelli già sono ricchi…

Annunci

7 thoughts on “Come è allora che non succede una nuova rivoluzione? posted by Anna De Rosa

  1. Forse mi è sfuggito qualcosa. Si parla di “nuova rivoluzione” dando per scontato che ce ne sia già stata un’altra. Non me ne sono accorto. Per quanto ne sappia, sia il Risorgimento che la Resistenza non possono essere considerate “rivoluzione” perchè sono state appannaggio di una esigua minoranza di patrioti.
    In Italia non c’è mai stata e mai ci sarà una rivoluzione proprio perchè, a mio giudizio, non siamo mai stati un “popolo” ma solamente un gruppo, anche se numeroso, di “individui” che per caso viviamo sullo stesso territorio cercando di fare i propri interessi magari a danno del vicino di casa.
    Altra cosa le rivoluzioni, quelle di popolo: la rivoluzione americana, quella russa e quella francese le più note per illoro significato e la loro portata.

    • …premetto che già in fasce mi piaceva il suono della parola “rivoluzione”! poi ognuno giustamente la interpreta …e giustamente e storicamente le rivoluzioni ,”cambiare” lo stato di vita represso in libertà è dei popoli incazzati …ed è vero che gli italiani non sono un vero popolo ma gruppi ma ben vengano i gruppi ed io credo fortemente anche i singoli/e possono fare tanto se ci credono e hanno nei loro ideali IL BENE COMUNE ,cosa rarissima xchè i venduti ,i crumiri,i voltaggabbana,i vigliacchi ,i pagnottai -pagnottari ,quelli sì che sono popolo attuale italiano e soprattutto sono numerosi…non me ne viene in mente nessuno che non abbia abusato del proprio potere del proprio libero arbitrio a danno degli altri….e no ho troppa simpatia per gli eroi ma per gli umili ,per gli onesti,per gli innocenti,per la vita e nella sua possibile pienezza anche se ho molti ideali utopistici! grazie per i vostri commenti… io in questo testo penso a Veronica che in silenzio per soldi e per vivere alla grande solo lei ,non ha fatto azioni per il bene comune …

  2. Scusa, Anna, non è per polemizzare ma solamente per evitare di aggiungere altra confusione nell’uso delle parole e dei concetti. La tua Veronica può essere, per te, un esempio anche di virtù eroiche ma il minestrone di parole in cui, a ruota libera, si parla di gruppi e di bene comune, di venduti, crumiri voltagabbana, vigliacchi, pagnottai che hanno abusato del loro potere, del proprio arbitrio (che è cosa diversa dal “libero arbitrio” il quale contempla la libera scelta tra il bene ed il male anche nella morale laica), in contrapposizione ad altri onesti ed innocenti non può identificare nè un “popolo” e tanto meno una “rivoluzione”. Gli uni e gli altri, compresa la tua Veronica, restano solamente degli individui che si possono definire, al massimo, come un gruppo di simili e di contrari ma in nessun caso come “popolo” che per essere tale deve avere altre e ben precise caratteristiche sia nel linguaggio della sociologia che in quello della politica.
    Presumo tu sia molto giovane ma per evitare confusione bisogna dare a ciascuno il proprio nome, gli individui restano tali e non diventano mai “popolo” e le “rivoluzioni” sono altra cosa dalle virtù individuali di una o più persone.
    E’ una delle poche cose che ho imparato nella mia vita di ultrasettantaseienne e che, sono sicuro, imparerai anche tu per non dare alibi a quelli ai quali fa comodo definirsi popolo ed invece sono dei volgari individui vigliacchi ecc. come tu li hai definiti.
    Ciao, mi farà piacere se verrai a trovarmi e, volendo, se aprissimo un dialogo su argomenti così importanti. In ogni caso, buona vita.

    • scusami io avevo risposto ma non si è salvata la mia risposta …ora vedo che non c’è…veronica non è mia….io ho 51 anni e sono molto contenta di averceli tutti e 51…per vivere bene bisogna superare vari stadi di propria autocoscienza evolutiva e darsi alla vita pienamente per non temere la morte ma accoglierla nel suo inizio di nuova vita …in quest mio scritto mi chiedo perchè chi poi ha soldi non prenda posizioni per il fine bene comune ma se li gode da solo ipocritamente con un “tengo famiglia”???analizzare il tutto a 360° è filosofare trovando mille risposte…la le ricette del vivere sono personali…per me rivoluzione vuol dire cambiare ,partendo da se stessi…

  3. Ciao, Anna. Prendo atto ch
    e si è trattato di un disguido non dipendente dalla tua volontà.L’elettronica, qualche volta, fa scherzi del genere.
    Quanto all’età, non mi ero proprio sbagliato quando ho pensato che fossi giovanissima. Hai 25 anni meno di me!!!
    Se tu continuerai a scrivere, io continuerò a leggerti ed anche a commentare. Grazie. Buona serata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...