Alternanze Amorose posted by Guido Nardi

Nove brevi pensieri d’amore e d’abbandono

Ti carezzerò la pelle. Piano, lentamente e con dita leggere, toccherò ogni centimetro e tu, chiudendo gli occhi, sarai qualcosa di mio. Per un attimo o per la vita resterai tra le mie mani sapienti e il tempo starà immobile in attesa del bacio unico dell’amore. Ma, aspetta, non avere fretta, solo in ultimo le nostre labbra si uniranno e le anime respireranno del nostro respiro. Guarderò i tuoi capelli risplendere nel sole e saprò che nulla è più bello dell’averti vicino.Sei lontana. Il tuo sguardo non si specchia più nel mio. Stai sparendo a poco a poco in una sorta di nebbia sottile, che nasconde i contorni e lascia intravedere solo i ricordi. Immaginarti accanto a me diventa più difficile, ti scosti al mio passaggio ed eviti il mio corpo. Non è amore questo, è soltanto una pallida parodia di un tempo felice. Eppure ci sei. Sei qui e fai del silenzio un muro, un castello di parole non dette, non più. Ti aspetto muto…
Il calore del camino ti porta un alito ardente, ti scalda la pelle. Ascolti il crepitare della legna che brucia e osservi assorta il guizzare delle fiamme come una danza ipnotica. Sono rimasto discosto a guardarti, stupito della tua bellezza che traspare nella luce incerta della stanza, il tuo profilo dolce si mostra adesso in modo inusuale e muove in me pensieri di passione che attraversano veloci il mio animo e alterano il mio cuore. Non muoverti, resta lì solo per me.
Gridi e piangi. Non senti le mie misere parole, banali, stupide, balbettate a occhi bassi per non incontrare i tuoi. Mi avevi donato il tuo cuore e avevi riposto in esso tutta la dolcezza di cui eri capace ed io, ora, ho sciupato il nettare amoroso che traboccava dalle tue labbra accese d’amore. La mia colpa, per quanto negata, è di cercare altrove quelle emozioni che solo tu sai darmi e che, in fondo, volevo solo da te. Maledetta lussuria che insozzi i miei desideri!
Emozionarti con un fiore mi è fin troppo facile. Sei così fragile che ho paura di toccarti, mi fa tremare il solo guardarti le tenere efelidi sparse sul viso e la bocca, poi, mi fa morire. Labbra sottili, delicate, disegnate per l’amore, per i baci che non mi stanco mai di darti e per il buio nel quale ci tuffiamo insieme. Rimango accanto a te nel sonno lieve di una notte d’estate, i corpi esposti ai sogni e i respiri sussurrati al vento mentre la luna, nostra silenziosa guardiana, appare in cielo.
Sono stanca dei tuoi monosillabi che mi rendono trasparente quasi tu non mi vedessi più. Sono stanca del sollievo con cui accogli una domenica di pioggia per non dover uscire con me e mi fa rabbia la gioia con cui preferisci una trasmissione sportiva alla mia compagnia. Non eri così, non era così che ti immaginavo nei miei sogni. Sto svanendo dai tuoi pensieri come un fantasma incorporeo ed evanescente, residuo putrido di un amore esausto. Sono stanca.
La corsa sotto la pioggia. Ci aveva sorpreso uno scroscio improvviso, inconsueto, inevitabile. Ridevi tutta bagnata, i capelli incollati al viso di bambina felice. Io ti seguivo pensando ai miei pantaloni nuovi, alle scarpe fradice che atterravano nelle pozze alzando schizzi d’acqua. E’ questa la nostra differenza, tu ami le percezioni selvagge ed io invece la comodità di un amore sicuro, tranquillo, forse noioso. Hai saputo donarmi sensazioni disordinate e l’emozione di un battito d’ala.
Ti ho sognata, è strano vero? Tu sei qui accanto a me, condividi il nostro letto, eppure è come se tu fossi lontana, forse addirittura in un’altra città, sei distante dal calore che sapevi donarmi, staccata dal mio mondo e dal mio corpo che non accogli più come qualcosa di tuo. Ti ho sognata ed eri come ti desideravo, ma il sogno è una dimensione effimera e quando ti risvegli e ricordi, il sapore che rimane in bocca è quasi amaro. Mi sei venuta in sogno e io ho paura di averti già perduta.
Lo specchio della mia mente ti riflette serena, anche dopo anni di vita insieme non ho perso di te neppure un particolare. Ti ho vista ragazza, donna, moglie e madre. Ti ho avuta accanto ed ora sento che sei ancora l’armonia del mio essere, una musica di sottofondo lieve e discreta, un’ombra sulla parete della mia anima e ormai una parte di me che non potrei recidere mai più. Siamo stati felici e tutto si è compiuto nell’infinito di un attimo.

7 thoughts on “Alternanze Amorose posted by Guido Nardi

    • Caro Josè, grazie per aver pubblicato queste mie righe, la foto che ho allegato è della persona che più al mondo amo (non me ne voglia mia figlia Alessia) e che ha ispirato ogni parola che ho scritto. Vivere la vita accanto a lei è stato bello e spero lo sarà per sempre.
      A presto.
      Guido

    • Ciao Anna, ti ringrazio del commento che hai voluto lasciare, ciò che ho scritto è sgorgato da sè. Ho vissuto. E questo è stato il dono più bello, anzi meraviglioso che abbia potuto ricevere, spero solo di non averlo disperso. Nel bene e male ho avuto una donna che mi ha amato e perdonato, che ha riso e pianto, ma che è sempre rimasta al mio fianco anche quando non lo avrei meritato.
      Abbi cura di te.
      Guido

  1. Credo che questa tua, sia la più bella dichiarazione d’amore che io abbia mai letto: intrisa di fervore e dolore e che ha come filo conduttore la richiesta umile e accorata del perdono in nome di di quel sentimento tanto raro e grande che è l’amore. Un abbraccio e se posso, ora non disperdere più quel grande dono di se che la tua donna ti ha fatto. Sono certa che se sei sempre tornato da lei è perchè sapevi che il suo cuore era il luogo giusto in cui riconcigliarsi con se stessi, lei e il mondo. Buona vita, Guido!

  2. Caro Guido, non c’è molto da aggiungere ai commenti che le persone che ti conoscono solo dalle tue parole hanno già espresso.
    Conoscendoti ed apprezzando quello che scrivi posso solo unirmi ad Anna1962, sapendo che l’amore e la vita vanno spesso assieme: amare e riconoscersi in questo sentimento, sentirlo sempre presente è un obbiettivo raggiunto. Non è solo l’inizio!
    Un abbraccio Gianni

    • Grazie Gianni, ci conosciamo ormai da qualche anno e sai che le parole che metto sulla carta sono dei punti fermi che cerco di dare ai miei pensieri prima che, inevitabilmente, svaniscano ingoiati dal pozzo nero del quotidiano. Sai anche che mia moglie non si accomuna a me, o perlomeno molto poco, nell’esperienza, che io ritengo molto bella, di LiberArte, ma ciò non toglie che le rare volte che è presente alle nostre serate o manifestazioni per me è una grande gioia e lo sarà anche in futuro.
      Il nostro cammino va avanti, questo è importante.
      A presto, Guido

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...