Easy (bodaboda) rider Uganda_3 posted by Giacomo Babaglioni

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fino a cinque anni fa il mercato delle moto in Uganda era composto prevalentemente dall’usato di origine giapponese. Ora il comparto è saldamente in mano, con quasi il 90% di vendite, a due produttori indiani -Bajaj Motors e TVS- che nel corso degli ultimi anni hanno sbaragliato la concorrenza di colossi come Honda e Suzuky. La ragione principale del successo è che le moto indiane possono occupare comodamente più persone e/o cose in confronto a quelle provenienti dal paese del sol levante. Il valore aggiunto è legato invece a un minor consumo –circa 60 km con un litro- di benzina unito a una facilità insolita nel reperire i pezzi di ricambio.

I due modelli più popolari -progettati e prodotti specificatamente per l’Uganda- sono simili sia come estetica e costi sia nelle caratteristiche tecniche/prestazioni. Motore monocilindrico a quattro tempi di 100 cc raffreddato ad aria che sviluppa una potenza nominale massima di 6 kw con una velocità di punta intorno ai 90 km orari –il fine corsa del tachimetro arriva però a un mirabolante 120. Quattro marce a pedale, miscelatore olio/benzina incorporato, carburatore meccanico e serbatoio con capacità di 10,5 l per un’autonomia di circa 600 km. Bloccasterzo, batteria, Kerb weight di 109 kg e sul cruscotto spie luminose per standby luci, folle e indicatori di direzione… niente motorino di avviamento, freni a disco o amenità elettroniche. Sostanzialmente una moto old fashion per i ricercati canoni estetici occidentali ma robusta, versatile e affidabile su tutti i terreni in qualsiasi situazione, risparmiosa e facilissima da riparare.

Il costo, per essere in Uganda, è abbastanza abbordabile e al cambio attuale è di circa 800/1000 euro secondo marca e modello. Le vendite sono in così rapida crescita che la TVS progetta di aprire uno stabilimento di assemblaggio nelle vicinanze di Kampala -abbassando in questo modo il costo di produzione- per meglio competere con la concorrenza e intercettare il mercato comunitario dei Paesi dell’Africa Orientale -un bacino di sei nazioni con circa 140 milioni di abitanti. Comunque i cinesi della Schima Motors al momento sono alla finestra a guardare ma anelano di introdurre presto e con grande battage pubblicitario due modelli ancora più competitivi come prestazioni/accessori e ovviamente più economici.

Spesso i bodaboda per acquistare la moto ed entrare così nel business dei trasporti accendono un mutuo e sono diversi gli istituti finanziari -anche nelle zone rurali- che rilasciano questi prestiti. Dopo l’acquisto però mantenere famiglia e risparmiare per pagare le rate non è facile data l’alta competitività del settore. In molti, per starci dentro con tutte le spese, sono costretti sulla strada giorno e notte con evidenti ricadute negative in termini di sicurezza descritti in precedenza. I prestiti sono solitamente per 15/18 mesi con pagamenti settimanali e se si salta una rata, si hanno solo sette giorni per mettersi in regola ma con il mezzo sotto sequestro… insomma un bel casino! Sono così molti i bodaboda in erba pieni di sogni e speranze che falliscono nell’impresa dell’acquisto e di conseguenza tante le motociclette che vanno all’asta a un prezzo di partenza conveniente -in pratica uguale ai soldi rimanenti da pagare per estinguere il mutuo… continua

4 thoughts on “Easy (bodaboda) rider Uganda_3 posted by Giacomo Babaglioni

  1. Giacomo, interessante la tua nota. Dal lontano luglio 2000 al luglio 2001, un anno intero, ho vissuto tra Kampala e Jinja; ho anche usato qualche volta il bodaboda, un mezzo veloce ed economico. E’ poi un’ esperienza necessaria per conoscere il paese ed il suo ambiente.
    Quell’ anno la Roma vinse lo scudetto ed io ho guardato molte sue partite, l’ultima in ogni caso contro il Napoli, su un canale francese, con un gruppo di romanisti ugandesi, in un locale della periferia di Kampala che raggiungevo in bodaboda.

  2. Pingback: Google Alert – EASY RIDER NEWS – Easy News Press Agency | Easy News Press Agency

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...