Nuvola grigia vola via posted by Valeria Borgia

Un breve racconto, che ha per tema la libertà

A short tale, with the subject of  freedom

“Hiiii!!! Oggi è una giornata meravigliosa. Mi sentirei proprio felice se potessi uscire da questo recinto… Là fuori i prati sono accoglienti, di un bel verde brillante, l’erba è tenera e delicata e potrei correre, correre senza posa, fino a rotolarmi su quel verde a più non posso. Sono nati tanti piccoli fiori, l’aria è tiepida e quella massa gialla brilla laggiù, per poi scomparire, la sera… Sono ancora un giovane puledro e quell’umano che cammina con due sole zampe. che ha un bel volto e mi vuole bene, mi dà gli zuccherini, mi carezza e mi striglia (ho sentito che lo chiamano “Johnny”), mi pare a volte sul punto di liberarmi e di farmi correre là fuori. Io glielo chiedo sempre, con lo sguardo; purtroppo, parliamo in modo diverso e lui non mi capisce bene, però… a volte mi sembra che capisca e voglia aiutarmi. Eccolo, Johnny, si avvicina, ora ci provo di nuovo a chiederglielo: “Hiiiiii – Non so dire altro, ma voglio dire: aprimi il cancello, fammi andar via… Ormai me la posso sbrigare da me, non ho più il bisogno del latte della mamma. Vorrei andarmene per il mondo, vorrei correre verso quella massa gialla, laggiù. Là ci sono le praterie immense, là c’è la libertà, la cosa più bella al mondo… Hiiiiiii”.

Johnny indovinò ancora, in quel tiepido pomeriggio, il desiderio di Nuvola Grigia. Gli carezzò come sempre la soffice e folta criniera, gli diede uno zuccherino, avvicinò il suo viso a quel muso fremente, sentì quello scalpitìo concitato, vide quello sguardo così comunicativo. Andò al cancello e abbassò la sbarra, socchiudendolo. Aspettò. Poi si voltò. Non poteva assistere all’evento che sarebbe inevitabilmente accaduto.

Nuvola Grigia si precipitò al cancello e riuscì, scostandolo, ad infilarsi nello stretto passaggio, poi si guardò indietro, come per salutare. “Hiiiii! Ciao Johnny, grazie… Ci rivedremo, chissà…”. Al galoppo, felice, libero finalmente, si diresse senza alcun timore verso quella massa luminosa e calda, verso una vita nuova, piena di incognite, ma anche di magnifica e tanto desiderata libertà.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...