La malattia dell’ostrica

«Dove stai andando tu?»
«In giro, da solo»
«A far che?»
«Ad ammazzare»
«E chi?»
«Che domande: te. Ad ammazzare te, brandendo il mondo intero. Ad ammazzarti di silenzio, con la luce di una spada scintillante»«Non puoi farlo. Non puoi non farlo. Io ti voglio bene, ma ti amo»
«Prendi i tuoi occhi e vattene. E chiudi la sorte. Chiudi tutte le porte che non hai voluto aprire»
«Non è vero. Non ti amo. E tu lo sai»
«L’hai capito finalmente. E io che credevo ancora nella tua voce all’ingresso della stazione…Non te ne importa nulla del fatto che con quella voce io c’ho creato alti mondi»
«E così te lo ricordi. Io mi ricordo dei baci non dati, delle mani non sfiorate, dei capelli non contati»
«Non ricordi nulla. Nulla. Il tuo è un ricordo incondizionato. Di quelli che si trovano al supermercato a poco prezzo. Non te ne importa nulla neanche dell’odio che sto coltivando sotto casa»
«Fammi accendere, ché sto male. Fammi accendere, ché se no qua scoppia tutto. E guardami»
«Guardati tu, guardati negli occhi spalancati e poi ammazzati. Ammazzati.»
«T’ho rapito un giorno, ma tu non lo ricordi. E io me la ricordo la chitarra alla fermata dell’autobus, quando i buoni pasto ci presero a schiaffi e tu poi non volevi più andare via. Me lo ricordo il rumore della strada con i balconi che ci guardavano perplessi.
«Beh io no. Non mi va di ricordare. Io voglio ammazzare, per vivere»
«Tu non lo sai cosa vuoi. Tu non lo sai dove stai andando. Tu non lo sai cosa vuoi sapere e cosa non vuoi sapere. Tu piangi col pianto dei bambini dell’ultimo banco. E rifiuti la vita e le lune e birre quando tutti bevono. Ti accechi con l’illusione di poter spiegare tutto, di poter spiegare la vita a tutti»
«Io non vivo. Io non piango. Io mi illudo di essere illuso. La fantasia delle mie notti è tutto ciò che mi resta. Voglio una vita che vive, non voglio un sogno che brucia. Voglio la sbronza assoluta. Voglio la libertà dei giorni che non ho mai passato. Voglio la luna, voglio portarmela in tasca e farla vedere a tutti quanti. Voglio l’abisso di una fiamma che geme, il coraggio dei fiumi incatenati. E voglio ammazzare, ammazzare tutto il mondo con il Mondo intero. Voglio ammazzare te e la lingua tra i denti quando sorridi»
«L’utopia è ciò che vuoi. L’evanescenza relativa della vita assoluta. La vita sul comodino. La sveglia che non suona più. Tu sogni di sognare il sorriso che non ti ho mai promesso. E scrivi, scrivi, di notte quello che non hai il coraggio di scrivere di giorno. Sei un pagliaccio che non sa nuotare e si limita a imitare gli squali. Vivi per sentito dire, sei fatto della stessa sostanza dei libri che leggi mentre aspetti l’ultimo treno. Sei tu, e non lo sei. Vorresti esserlo e non ci riesci. Sei il coltello finto con cui accoltelli la noia della domenica pomeriggio. Non sei, e vorresti non esserlo. Perché non mi hai ancora ammazzato?»
«Perché sei tu che non lo vuoi. Perché sarebbe un sogno. E a te non sono mai piaciuti i sogni. Ma io esulto. “Salto come un indiano a nozze”. tanto leggero mi sento. Il vero sogno non è la realizzazione del sogno. Ma lo stesso sognare. E io ammazzo tutti pur di continuare a sognare. Ammazzo l’insonnia: la Giunone cattiva che pretende i miei occhi. Che non mi fa sognare in pace. Ma tu, come gli altri, e come lei, credete solo di poter sognare con gli occhi chiusi. Mentre io lo faccio con gli occhi spalancati, anche quando svengo per il dolore di non poterlo più fare. Io chi non sono. Vorrei essere ciò che gli altri pensano che non possa diventare. Sono la catena spezzata. La nuvola marchiata a fuoco. Sono il nulla che può diventar tutto. E non ti ho ancora ammazzata perché tu sei il sogno che non posso ancora avere e che non avrò mai»
«Sei pazzo. Sei folle all’infinito. Ho il cuore in lacrime e mi fanno male le ferite. Non puoi essere ciò che vuoi. Sei figlio della Realtà e non puoi abbandonarla. Non puoi ammazzare neanche lei. Puoi ammazzare solo te stesso. Niente più giochi. Se sei libero, se credi nella Libertà non puoi amare la vita. E io che voglio amarti non posso, perché per te anche l’amore è una gabbia. Ma io ti amo, non ti ho mai amato prima. Ti amo come si amano certe cose oscure»
«Ti amo anch’io. Tu sei la galassia nello specchio che ti copre gli occhi. Hai tra le dita il profumo di quand’eri bambina. Sei l’estate e la pioggia insieme. Sei il Tutto e anche il Nulla. Sei l’insonnia che non mi fa sognare. E ti amo come non ho mai amato niente.
Ma io sono diverso. Io sono il diverso che sfregia i tramonti. Sono il bello del brutto. Il caffè amaro.

Dio mio, sono la perla. Che è la malattia dell’ostrica.

4 thoughts on “La malattia dell’ostrica

  1. Grazie per la tua composizione a tutti e tutte inviata per essere letta,amata,io l’ho letta ed amata. è’ bella e mi è’ piaciuta.
    Invio perciò a te ed a tutti e tutte questa mia chiamiamola poesia.Se mi consenti lo spazio.Grazie.Vladimiro

    SOLO AI POETI E LE POETESSE SCONOSCIUTI

    Quanto vi amo autori e le autrici
    Di testi che restano nei Pc (moderni cassetti
    Per versi in virtuale)Meriteremmo di meglio di più’
    Verrà’ quel giorno verrà amore corrisposto
    Si’ io vi voglio bene e vi abbraccio

    Il vostro lavoro e’ meraviglioso
    Il vostro impegno nel bene
    e’ per me importante
    e immagino di non essere il solo

    Gia’ il fatto che esistete e’ tanto
    Io vi voglio tanto bene sappiate
    Non importa chi sono vi amo tanto
    Miei simili e voi stupende colleghe
    di scrittura e di arte

    Bisogna saper aspettare e credere
    In quel che facciamo
    In letteratura ed arte
    Ed ancor di più nella vita
    Di tutti i giorni aspettare e credere
    Per farsi questo ed altro
    Nuvole di Vasily Kandinsky (evenement 2)

    Mia e vostra luce di anima
    Versi di resistenza e di amore e di pace
    Niente resta fermo per l’ eternità
    Sappiate tutto si evolve e modifica
    Mano mano persino le montagne
    Si spianano per via dell’erosione e gravità’

    Lo so direte ma chi è’ costui è che vuole
    Io appartengo all’umanita’
    Che soffre e ne divido le lacrime e lo sdegno
    Stanchi e stanche siamo e tanto
    Delle ingiustizie tante da parte del potere
    Sulla povera gente
    e nei confronti della natura e l’ ambiente

    Si erano ad un tratto accese
    A me sembro’ fuori l’ ostello della gioventù’
    Col mio sacco a pelo e niente più soldi
    Nemmeno per un panino

    miriadi di stelle la notte

    Quale incantesimo Signore grazie
    Tante felici cose
    Che non si devono comprare
    Almeno in cielo
    O sulla terra i marciapiedi le baracche
    Ma osservare e meditare almeno
    Balsamo che lenisce le ferite invisibili
    Talvolta

    Abbasso tirannia anche detta
    economia di mercato
    ve la diamo noi
    cuccagna per voi che comandate
    emarginazione per noi
    spacciate con parole manipolate
    E continua diversificata violenza
    Come se niente fosse
    o fossili o inumani

    E l’ inquinamento abbasso

    Non se po’ più e ne soffriamo
    A loro importa niente

    ( venitemi solo voi a trovare voi che amo

    Solo mi sento pure tra tanta gente

    Ora i non comunichiamo più
    Se non per emai e telefonini..

    Ma sto male io che ci sto a fare
    Che c’ entro con tutto ciò’
    E voi pure ditemi
    Tra i mostri di cemento armato
    Questo di periferia di Roma romano
    Oppure poeta di strada fate voi
    Alla periferia di Roma
    serrati a ritmi agitati
    o fermi di una breve sinenergia
    Tantissimi click fotografici

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...