Il Natale (fasi fugaci)

S. Amici

S. Amici

Fasi fugaci
i cembali del nulla suonano a stuolotieni acceso comunque un faro sul mondo
che si veda che ci sei, anche se fuggi
arrovellati e stressati come un gibbone
nella sua gabbia di cristallo rosa

Passa la sposa
suonano a stuolo
i cembali e trillano
assieme alle voci
i giorni rapaci

C’è il nulla
c’è il tutto
melone e prosciutto
la sera, il Natale
il volersi male
il gelo flottante che scende di neve
la campana breve
che annuncia il bambino.

Son fasi fugaci
i cristalli rosa
la vecchia gioiosa
in televisione
c’è un certo distacco
o partecipazione
dipende se lui è bello e loquace
ci piace
ci piace
far parte del niente
ma abbiamo adesivi appesi alla porta
Natale
Natale
Natale cantiam!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...