“Turnam’a Terre” by Alessandro De Vita

www.ecoo.it

S’azàve ‘a matìne ‘nnànd’u sòle,

‘ncambàgne cu’ ‘a zàppe sùs’a spàdde,

s’u margiàle appennùte ‘u manelòne,

cu’ jìndre ‘na panèdde o dòje taràdde.

Ore e òre c’u canècchie ‘mmàne,

putà’ le vìgne, chiandà’ fàve e pisjìdde,

fatiàve ’a tèrre aredetà d’attàne,

cu’ càvete, àcque, vìend’e frjìdde.

Pu’ cundadìne ‘a vìte ère pesànde,

nìende vascìzze pìcche le sfazziùne,

cu’degnetàte se teràve ‘nnànde,

e de fàme no’ mmurève nesciùne.

Po’ arrevò l’italsider, ‘na pàje secùre,

un’a ùne n’accugghìje tùtte quànde,

fundanìne, scarpàre, pescatùre,

e ci pu’ càsche lassò tèrre vacànde.

Cinguànd’ànne d’assenzàte ‘nquinamènde,

ciele, terre, mare, tùtte malàte,

pe’ còrpe d’a diossine chiùrene allevamènde,

pìcch’è ‘a fàtie tànde desoccupàte.

Avìsseme turnà a tànd’ànne arrète,

a ùmele mestiere òsce scurdàte,

dàvene pàne e a ci quàttre parète,

ma pe’ le fràbbeche l’àme abbandunàte.

Turnàm’a tèrre e a respiettà a natùre,

‘mbaràme angòre àrte e agricoltùre,

turnàm’a mangià paisàn’e genuìne,

mo’ pùr’u pumedòre è “Made in Cìne”.

Traduzione in lingua TORNIAMO ALLA TERRA

 Si alzava la mattina prima del sole,

in campagna con la zappa sopra la spalla,

sul manico appeso un grande tovagliolo,

con dentro una pagnotta o due taralli.

Ore e ore col manico dell’aratro in mano,

potare le vigne, piantare fave e piselli,

lavorava la terra eredità del padre,

con caldo, acqua, vendo e freddo.

Per il contadino la vita era pesante,

niente divertimenti poche le soddisfazioni,

con dignità si tirava avanti,

e di fame non moriva nessuno.

Poi arrivò l’Italsider, una paga sicura,

uno a uno ci raccolse tutti quanti,

idraulici, ciabattini, pescatori,

e chi per il casco lasciò terre vuote.

Cinquant’anni d’insensato inquinamento,

cielo, terra, mare, tutto malato,

per colpa della diossina chiudono allevamenti,

poco è il lavoro, tanti disoccupati.

Dovremmo tornare a tanti anni indietro,

a umili mestieri oggi dimenticati,

davano pane e a qualcuno una casa,

ma per le fabbriche gli abbiamo abbandonati.

Torniamo alla terra e a rispettare la natura,

insegniamo ancora artigianato e agricoltura,

torniamo a mangiare prodotti locali e genuini,

ora anche il pomodoro è” Made in Cina”.

 

2° classificata al Premio internazionale di poesia Piccapane

MOTIVAZIONE DELLA GIURIA: Attualità delle tematiche trattate con riferimento al rapporto passato/presente. Sostanziale padronanza linguistico espressiva.

3 thoughts on ““Turnam’a Terre” by Alessandro De Vita

  1. Magari si potesse tornare alla vita di un tempo, cui questa bella poesia è un auspicio e un augurio. Certo i tempi cambiano, ma dovremmo tutti impegnarci perchè cambino in meglio, pensando di proteggere la nostra terra che è l’eredità più bella che lasciamo ai nostri figli, e non come un pezzo inquinato dal malaffare, ma ubertosa e sana come la ricordiamo al tempo dei nostri padri, che se potessero tornare in vita,avrebbero di che dolersi. Ma desideriamo anche pensare con ottimismo, alle capacità di tanti giovani che stanno riscoprendo le possibilità che può dar loro questa nostra bella amata terra.. Auguri a quanti si adoperano in questa direzione.

  2. E’ un colloquio epocale fra passato e presente ,l’appartenenza alla terra e a tutto ciò che ne deriva è intensamente espresso ,le considerazioni che emergono sono figlie di quell’amore nutrito e mai abbandonato verso la natura .Il messaggio che incita alle antiche tradizioni è un gesto d’amore per tutto ciò che ci circonda .

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...