“Quiddhru ca me llassàsti” by Francesco Palermo

nonni

Anc    ‘Ncora me ricòrdu, caru nonnu miu

li priesci, li cunti, le passiggiàte

sutta lu sule, fore, e pe le strate

ca n’imu fatte iou e tie, e fazzaDdìu

ci osce suntu sulu culùri stinti

lu ricordu, l’ardòre e lu suènu,

tuci te zzùccaru o mari te vilènu,

te ddhri giurni pirdùti e te ddhru nienti

c’ancora àrdenu ivi ‘ntra lu core,

com’ampa te fuècu ca nu’ more.

E  me torna la memoria, ancora ìa,

te storie te sangu, lacrime e sutùri,

te vite semplici ma belle comu fiùri

te ddhri campi addu cripàvi te fatìa.

Eccu ce me cuntàvi cu la ucca e l’uècchi,

ddhr’uècchi umidi te ‘nu chiàntu felice,

te ddhr’orgogliu ca se scunde e nu se tice

ma iou  nci liggìa intra, quasi fòssera specchi,

tuttu lu prièsciu te tante cose realizzate,

tra le picca scise e le tante, tante ’nchianate.

Era lu tièmpu te li bilanci te ‘na storia,

a bìnchere li giurni ca passanu lienti,

quiddhri te quandu se fannu li cunti,

senza né carta né penna, ma sulu a memoria,

quando tuttu te paru te urge ‘ntra lu core

cu scauèrti a fundu lu puzzu te li ricordi

mentre lu tiempu ince e tie sta pièrdi,

e intantu n’auru giurnu chiànu chiànu more.

Quiddhru fòi lu momentu, cchiù te tutti,

ca chiànsimu in silenziu, senza signùtti,

quandu me ticìsti ca auru nu tinìvi,

quiddra era l’eredità, quiddhru lu testamentu,

le mani mei ‘ntra le toi,‘ncora me le sentu,

timendu ca me deludi e invece nu’ sapivi

ca me sta facìvi lu rigalu cchiù preziosu:

l’esempiu te na vita semplice, onesta e te fatìa

ca ‘ncora osce me ‘ncantu ‘nnanzi ‘na fotografia

e me scappa involontariu nu sorrisu:

<<Nu’ pinsare, caru nonnu, a quiddhru ca m’ha llassàtu,

e grazie,‘ncora grazie…pe’ quiddhru ca si’ statu!>>

 

TRADUZIONE Quello che mi lasciasti

 Ancora mi ricordo, caro nonno mio

la contentezza, i racconti, le passeggiate

sotto il sole, per le campagne e per le strade

che ci siamo fatte io e te, e sia fatta la volontà di Dio

se oggi sono solo colori sbiaditi

il ricordo, l’odore ed il suono,

dolci come zucchero o amari come veleno,

di quei giorni perduti e di quel niente

che ancora ardono vivi nel cuore

come fiamma di fuoco che non muore.

E mi torna la memoria, ancora viva,

di storie di sangue, lacrime e sudori,

di vite semplici ma belle come fiori

di quei campi dove ti ammazzavi di fatica.

Ecco cosa mi raccontavi con la bocca e gli occhi,

quegli occhi umidi di un pianto felice,

di quell’orgoglio che si nasconde e che non si dice

ma io ci leggevo dentro, quasi come fossero specchi,

tutta la contentezza di tante cose realizzate,

tra le poche discese e le tante, tante salite (difficoltà).

Era il tempo dei bilanci di una storia,

a riempire i giorni che passano lenti,

quelli di quando si fanno i conti,

senza né carta né penna, ma solo a memoria,

quando all’improvviso ti urge nel cuore

rovistare a fondo il pozzo dei ricordi

mentre il tempo vince e tu stai perdendo,

e intanto un altro giorno pian piano muore.

Quello fu il momento, più di tutti,

che piangemmo in silenzio, senza singhiozzi

quando mi dicesti che altro non avevi

quella era l’eredità, quello il testamento,

le mie mani nelle tue, ancora me le sento,

temendo di deludermi e invece non sapevi

che mi stavi facendo il regalo più preziozo:

l’esempio di una vita semplice, onesta e di lavoro

che ancora oggi m’incanto davanti ad una fotografia

e mi scappa involontario un sorriso:

<<Non pensare, caro nonno, a quello che mi hai lasciato,

e grazie, ancora grazie…per quello che sei stato!>>

Annunci

4 thoughts on ““Quiddhru ca me llassàsti” by Francesco Palermo

  1. la poesia che mi ha colpito più di tutte al premio Piccapane, densa per contenuti e forte per l’impatto emotivo. Complimenti Francesco, hai tanto da raccontare.Continua a scrivere!

  2. Ancora tanti ricordi e tanta dolcezza nella poesia di Francesco. Io penso che quello che noi siamo oggi, è quello che siamo diventati coltivando e radicando valori e bellezza e lo dobbiamo anche a loro, i nostri nonni che ci sono nel cuore e che continueranno a vivere con noi.

    • Ringrazio entrambe per le belle parole dedicatemi. Ma, in effetti, credo che a meritarle veramente siano le persone che “hanno radicato in noi valori e bellezza, che ci sono nel cuore e che continueranno a vivere con noi”…

  3. Vi ringrazio molto, Claudia e Sonia, per le belle parole che avete usato! Ma il vero merito non è il mio, visto che ciascuno di noi <>. Innegabile! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...