“La Pajetta” by Perfetto Salvatore

vincent_van_gogh_840_autoritratto_con_cappello_di_paglia_1887

Me azzu la mmane a cantare de gallu

quannu lu sule sta ‘ncora ‘ccucciatu

l’aria sta crassa pe’ tanta muttùra

‘gne punta de fujazza sta calata

e chiange ‘nterra comu ‘na funtana

onza su onza fenca nu è ‘ssucata.

Tutto lu giurnu a cantu de cicale

lu sule scattariscia ‘ntra le messi

stumpisciu ristucciu e ne riccoju cranu;

me minu poi ‘ntra vigna cu spraceddu;

cchiù nnanti alla chiantata de le ulìe

taju li vinchi pe fare le panare;

me ota l’occhiu e bbisciu ca le fiche

s’annu già ‘perte e mmoscene lu russu

comu li musi de ‘na signurina;

cchiù tardu passu a ‘nnanti ‘nu scrasciale

le mure bedde fatte su’ mature.

La sira tornu ‘ccasa cu li criddi

me fannu sinfunia a chiaru te luna,

nu bbisciu l’ura cu va’ me riggettu,

cu manciu ‘na calata de minescia,

‘nu cumpanaticu de casu friscu,

‘na cosca poi de lacciu, quiddu niuru,

la pozzu ‘ccumagnare cu lu mieru.

È quista la sciurnata te u forese:

tira ‘ccampare e sulu pe’ le spese;

poi ci per casu strazza la camisa

pronta sta la mujere ‘lla ’rripezza:

lu custume lu tegnu pe la festa,

cappeddu, scarpe nìure e la cravatta;

li giurni ca faticu me basta la pajetta.

  

Traduzione in lingua italiana di “La pajetta”

Cappello di paglia

Mi levo al mattino al canto del gallo

con il sole ancora nascosto

l’aria è pesante per la troppa rugiada

le foglie con le punte volte in basso

ne fanno un pianto come di fontana

gocciolando per terra finché non s’asciugano.

Di giorno m’accompagna il canto delle cicale

al sole che saetta tra le messi;

calpesto tante stoppie ma raccolgo il grano;

passo dal vigneto per sfrondare;

poi ancora vado all’uliveto

dove recido i succhioni per il paniere;

lo sguardo, infine, cade sopra il fico

con i suoi fiori invitanti  e rossi

come le labbra d’una signorina;

ecco, sulla strada del ritorno, un bel roveto

con le more che sono ormai mature.

Torno a casa che è sera con i grilli

e mi fanno una dolce sinfonia al chiaro di luna;

non vedo l’ora di trovare il  riposo,

per mandare giù un boccone di minestra

un companatico con il formaggio fresco,

una foglia di sedano, quello nero,

va bene accompagnata con il vino.

Così va la giornata del contadino:

tirare a campare, e solo per le spese;

se poi, per caso, si dovesse strappare la camicia

la moglie è sempre pronta a rammendare:

l’abito buono va conservato per la festa

con il cappello, le scarpe nere e la cravatta;

per i giorni che lavoro mi basta il cappello di paglia.

Poesia segnalata al Premio internazionale di poesia Piccapane

Advertisements

2 thoughts on ““La Pajetta” by Perfetto Salvatore

  1. E’ la vita che scorre sui campi, quella dura del contadino che si descrive come su note di una tamburellata, note sempre uguali, che conoscono il ritmo di sempre.Il lavoro che comincia all”alba, quando l’umido della notte sembra piangere lacrime dalle foglie delle piante,e il passo del contadino è già sul viottolo di campagna col suo fardello di pensieri, ma già pronto ad affrontare il duro lavoro che lo attende, fino al tramonto, quando finalmente può godere un pò di meritato ristoro.E il suo domani sarà un gorno ancora uguale…

  2. Grazie per il giusto ritocco alle “grossolane” parole in vernacolo, come le scarpe di quel contadino, e con il cervello fino, che ha sempre agito rispettando la cultura della propria madre terra, che ha sempe seminato e raccolto ciò che gli era necessario: la sua è sempre stata una eco-nomia sostenibile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...