“Il sapore del pane” by Patrizia Stefanelli

Il sapore del pane

Là, sulle scale del vecchio mulino
la porta del tempo e le travi d’oro;
volta al sole, respira il mezzogiorno.

Canto d’acqua, traspare nel vociare
sui fianchi d’una mola a sgranare giorni
di donne dal volto di mille rughe
piccoli fiori dipinti al tramonto.

Semina ancora la mano nel campo
la sporta è piena, distesa al morire
di semi sparsi al soave maggese
nel solco amato, di un pezzo di pane.

Poesia candidata al Premio internazionale di poesia Piccapane

Annunci

2 thoughts on ““Il sapore del pane” by Patrizia Stefanelli

  1. La dolcezza di tutto ciò che si lega alla terra, ritorna indiscussa e profonda disegnando un quadro di luce e colore che è impossibile non amare e non sentire scendere nel cuore. Chi scrive in versi non ha il pennello, ma quel che fa vedere è più completo di qualunque tela.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...