“Quannu te qquai a qquai …” by Barone Luigi Antonio

Il pane a Natale by Gianluca Palma

Il pane a Natale by Gianluca Palma

Me ricordu tanti anni rretu

quannu a menzu a via,

nui vagnoni sciucaveve a pallone

o a scunnareddhri,

ttuccava spettamu sempre quarchetunu

ccu sse spiccia te manciare

a marenna te pane ppummitoru.

Sciene a cazi curti puru te iernu

e le scianucchie ci e tenia lurde

ci mpiacate, nu colfu alla bona

e ccu stai ttentu ccu nu llu lurdi.

Ci tiempi quiddhri!

Erene tiempi taveru ca te

qquai a qquai ncera nu miju.

A sira t’estate, a rrota llu friscu

ci se manciava na friseddhra t’orgiu,

ci apria nu malune

quarche fiata spattu e dicia

ca era tuce nu zuccuru,

sia ca te manci nu spumone

e sguariavi ccu lli cunti ti vecchi

e te paria ca nceri puru tie ddhrai.

Moi nvece tutti struiti ne panzumu

ca te qquai a qquai nnu c’è chiu nenzi:

a murtatella ca prima se pisava

a menzi quinti moi se ccatta a “Etti”

e a dd’essere quiddhra ccu llu core

si no te canna nunci scinne, e lu stessu

u prosciuttu quiddhru senza conservanti,

me raccumannu, ca si no ne

face male, e llu pane te ieri ete?

A no, nnu llu oiu! Si no me sgarzu!

E comu ete ca i tenti te moi

nu nbalene e prima i cristiani

se manciavene u pane tostu

te na settimana?

Ma ce ca tice ca moi stamu intru u core ta vacca?

Sara’ ca era meju prima quannu i vagnuni

se manciavene u pane ppummitoru

e de qquai a qquai ncera nu miju?

TRADUZIONE

Quando dalla bocca alla gola c’era un miglio

Mi ricordo tanti anni fa

quando sulla strada,

noi ragazzi giocavamo a pallone

o a nascondiglio,

ci toccava aspettare sempre qualcuno

che finisse di mangiare

il pane e pomodoro.

Portavamo i pantaloni corti anche d’inverno

e le ginocchia chi le aveva sporche

chi con le piaghe, un golf alla miglior maniera

e attenti a non sporcarlo.

Che tempi quelli!

Erano tempi davvero che

dalla bocca alla gola c’era un miglio.

La sera d’estate, seduti intorno al fresco

chi mangiava una frisa d’orzo,

chi una fetta d’anguria

a volte anche molto matura e diceva

che era dolce come lo zucchero,

sembrando quasi di mangiare uno spumone

e ti divertivi con le storie dei vecchi

e credevi che nel racconto ci fossi anche tu.

Ora invece siamo tutti istruiti e pensiamo

che dalla bocca alla gola non ci sono distanze:

la mortadella che prima si comprava

a mezzi quinti ora si compra a “Etti”

e deve essere quella col cuore

se no è difficile mangiarla, e anche

il prosciutto senza conservanti,

mi raccomando, se no

fa male alla salute, e il pane è di ieri?

Ah no, non lo voglio! Povere mascelle mie!

E com’è che i denti ora

non valgono più e prima

si mangiava il pane raffermo

di una settimana?

Ma chi dice che ora siamo nel periodo

delle vacche grasse?

Forse era più bello prima quando i ragazzi

mangiavano in strada il pane e pomodoro

e quando dalla bocca alla gola c’era un miglio?

Poesia candidata al Premio internazionale di poesia Piccapane

3 thoughts on ““Quannu te qquai a qquai …” by Barone Luigi Antonio

  1. Quante considerazioni, fanno venire in mente queste parole e pensieri ; vorremmo davvero che si considerasse di più il tempo di una volta, quando si dava valore alla cose, forse perchè quelle che si ottenevano erano sofferte e faticate. Oggi la facilità di avere tutto e subito, non fa più apprezzare quanto costa ottenerlo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...