“La strada che avvolge il mio corpo” by Federica Ribis

stelle

Come appare,

un mio passo,affondato,

fra le stelle bianche della sabbia,

che mi porta,mentre lascio una scia,

di brillante anima dagli occhi vividi,

che non si ritrova,come la stoffa,

che lega,i pensieri e le conduzioni,

al mio pianeta brulicante,

al mio andare,dove,

mi piace più,ricadere per sempre.

Ricordo davanti a me,

persone rifarmi il viso,

con cui le avevo guardate,

aprire le mani,

produrre uno strillo,

che mi porta la linea lontana,

mentre forse volevo crollare,

fra le braccia,

che provano le stoffe,

forse quelle del mio richiamo,

forse quelle che aprono la bocca,

mostrano dov’è il gingillo finale,

del mio viaggio,

la brocca aperta,ai vapori,

alla voce eterna,che mi sorveglia,

stringendo le guance.

Provo,ad andare,

dove finisce la mia strada,

dove persone che sembrano saltate,

su costruzioni di galassia,

stanno con le gambe,

a vedere dove lo schizzo,

farebbe per me meglio,

a urlare di sopraffazione.

Ma era un pezzo di vita,

risollevare allora da me,

l’alba atomica,che apre,

lo scrigno della mia testa azzurra.

One thought on ““La strada che avvolge il mio corpo” by Federica Ribis

  1. Una niriade di setimenti premono sull’anima e l’autrice prova a dar loro una scia di chiarezza e le parole scivolano sul foglio
    come lapilli da incontenibile lava del cuore.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...