“R’ort ‘D mini” by Occelli Luca

L'orto degli ulivi cm 80x60 - Ettori Goffi

L’orto degli ulivi cm 80×60 – Ettori Goffi

Veuj cunteve cus’i capita, ogni tant, da’r nostre part

Land, ensema a gent ‘n gamba, ‘s mesciu anche d’i bastard.

R’ort ‘d Mini u r’è ar Fusà, ‘n cit rì cu’s campa ‘n Tane,

r’arba ‘re sampre bin tajà, sun pulide anche ‘re riane,

prùs, cusòt, cucùmu, maire e verdùra d’ogni sort

‘t tròvi fin’a d’er banane bìn piantà lì ‘n mès a s’ort!

Mini, s’ort, u ja nan cintaru perché u diva: “A mi u’m fa istès,

se caichun u vò d’ra sarata, cu ‘s’ra coja, sansa permès”

Chial u r’eva fach paraj, iè pa ‘r cas ‘d tante gnigne,

‘des se un u ja pau d’en ladr ‘deu ste lì a cintese er vigne?

Riv ar punto ‘d custa storia: un brut dì Mini u ‘rè mort

Mantre i faumu ‘r funeral caichidun u ja ‘ndaje ‘n t’r’ort.

E u ja piase tuch i parsi, anche cuj ‘ncù da mavrè,

ia lasaie mache er foie ‘n s’ra pianta a ‘ngiaunisè.

Mi se nan chi u jaba faru, ma chial sé un po’ m’r’umagìn,

rive a cà, campè si parsi ‘n tu liamè o ‘n t’en tumbìn.

U ja nan faru per fam, u ja faru per “dispèt”.

Se per cas un u ja tastaru, sper cu j abia faje “efèt”.

Ma scund me Mini u s’r’a grigna ‘n sem a tuch i so amis.

E u so ort u sta divart. Cum u fùsa ‘r paradìs.

TRADUZIONE

 “L’orto di Domenico”

Voglio dirvi cosa capita, ogni tanto, dalle nostre parti

dove, assieme a gente in gamba, crescon anche dei bastardi.

L’orto di Domenico è al “Fossato”, un ruscello che butta in Tanaro;

l’erba è sempre ben tagliata, anche i fossi son curati;

pere, zucchine, cetrioli, mele e verdure “d’ogni sorta”,

trovi anche le banane, lì piantate in mezzo all’orto…

Domenico, l’orto, non l’ha recinto. Lui diceva: “Che m’importa di “cintare”.

Se tu vuoi dell’insalata, ti puoi solo accomodare…”

Perchè lui così pensava, senza fare troppe storie:

ora, ha senso, per paura, aver tutto recintato…?

Giungo al punto della storia: verso luglio, Domenico è morto

e mentre stavamo al funerale, qualcuno gli è andato nell’orto.

E si è preso tutte le pesche, anche quelle ancora dure,

gli ha lasciato solo foglie, sulla pianta, ad ingiallire.

Io non so chi sia stato, ma me lo immagino

arrivare a casa e buttare le pesche nel letamaio o nel tombino.

Non l’ha fatto per fame, l’ha fatto per “dispetto”;

se una pesca l’ha mangiata spero gli abbia fatto “effetto”.

Ma Domenico sta ridendo, a ‘sta gente fa buon viso

e il suo orto resta aperto, come fosse il paradiso…

Poesia candidata al Premio internazionale di poesia Piccapane

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...