“Uscio” by Zamagni Luca

DSCN0478

L’uomo s’affaccia.

La mano tra i folti capelli

sembra voler continuare

ciò che le forze hanno abbandonato;

l’aratro, immobile riposa.

 Rigoli di fatica,

ricordano

i tiepidi e pungenti raggi

sul rude volto;

volto ch’ora è rivolto

al riflesso puntuale e luminoso

delle dorate briciole di cielo

ch’incastonano materno ventre.

Luci e ombre si susseguono

al ritmo della vita.

Il corpo matura.

L’uomo s’affaccia,

disseta l’orgoglioso olfatto,

sazia l’impaziente sguardo.

Poesia candidata al Premio internazionale di poesia Piccapane

3 thoughts on ““Uscio” by Zamagni Luca

  1. Sentimenti contrastanti e amari, considerazioni profonde scaturiscono dall’animo chino su riflessioni e visioni ora amare e reali,
    momenti di vita che accompagnano il riflettere e pensare.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...