Dal silenzio al fuoco

Il silenzio
Come i poeti al termine dei giorni. Malati e stanchi. La voglia di ascoltare con la bocca che ha tutti i sensi annuvolati e sbiaditi. La nebbia che diluisce i colori sfocati. La gioia nei ricordi sfilati, le maglie abbandonate, le lane slabbrate, i cuscini sprofondati…

La sintesi
Un gesto che riempie, delicato, come la solitudine di un fiore in un prato bagnato. La goccia è già luce da lontano, come un mare universo che rispecchia l’immenso di chi lo guarda. E’ interno, piccolo, infinito.

Le essenze nei dettagli
Non capiamo. Non ce n’è più bisogno. Tutte le rughe, una ad una, di ogni persona che cresce. Il tempo che solca i cammini diversi. Incontrarsi.

I bagliori dal nulla
Voci che assorbono e donano. Girare nei cori dorati come venti animati. Le labbra che diluviano sangue nell’aria. Il mistero della luce tra le note. Sublime.

L'istante

Il sapore dell’incertezza,

Il sapore dell’innocenza,
Il potere della pazienza,
Il potere della stranezza.

L’assenza di significati.
La distanza dagli angeli.
Le mani invisibili.
Il fuoco

Annunci

2 thoughts on “Dal silenzio al fuoco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...