“Tantu tiempu arretu” by De Leo Antonio

presepe-a-lecce

Ogne  annu  te Natale  cce emozione

quandu me fermu nnanti  nnu Presepiu,

li  ùardu  tutti quanti cu attenzione,

 me rrecordu te tantu tiempu  arretu.

Quiddhi viventi  pare  ca  sù veri,

portanu sempre la testimonianza

te ddhu  tiempu, te tutti li mestieri,

te comu se vivìa,te ogne usanza.

 

Ci face ricche e  sagne ncannulate,

le pittule  nu potenu  mancare,

li purceddhuzzi  cu le carteddhate

ca pe la tradizione s’ànu fare.

 

Nc’è una ca ricama nnu merlettu,

nna  ecchiareddha  tesse  a llu talaru,

la cchiù piccinna  face l’uncinettu,

li subbratacchi minte  lu scarparu.

 

Lu bucatu a llu cofanu  nna fiata

quiddha te mmoscia comu se facìa,

cu cinnere, sapune  e  acqua cauta,

ca sìenti  ncora  ndore  te lessia.

 

Lu cconzalimmi nc’è e lu cutumaru,

lu  cazzafricciu  ca spaccàa  li cuti,

lu  mpagghiasegge  e poi  lu quatararu

suntu mestieri  ca  se sù perduti.

 

Stàu  ncora cquai a ddu m’àggiu fermatu,

nnanti stu Presepiu  ca  è vivente,

è tantu beddhu  ca m’àggiu ncantatu

e tante cose me  ènenu  a lla mente.

 

Me rrecordu  quand’èramu  uagnuni,

la carta  cu la ponnula  ncuddhata,

subbra nna banca  nui cu li ceppuni

facìamu  lu Presepiu  te nna fiata.

 

Li sonatori  ca  cu lu violinu

se cuncertanu qualche pastorale,

e quandu  poi nascìa  Gesùmamminu

quanti canti la notte  te Natale.

 

Quantu era beddhu tantu tiempu arretu,

quantu è beddhu  ogne annu  lu Presepiu,

pensu ste cose e  cercu a llu Signore

pe tutti quanti  pace e  tantu amore.

 

 

 

Ogni anno di Natale che emozione- quando mi fermo davanti ad un presepe,-li guardo tutti quanti con attenzione,-mi ricordo di tanto tempo fa.

Quelli viventi pare che sono veri,-portano sempre la testimonianza -di quel tempo,di tutti i mestieri,-di come si viveva,di ogni usanza. -Chi fa le orecchiette e le lasagne attorcigliate,-le pittule non possono mancare – i purceddhuzzi e le cartellate (dolce di Natale)- che per la tradizione si debbono fare. -C’è una che ricama un merletto,-una vecchierella tesse al telaio,-la più piccina fa l’uncinetto,-i sopratacchi mette il calzolaio.

Il bucato al cofanu (terracotta) una volta,-quella ti mostra come si faceva,-con la cenere sapone ed acqua calda, -che senti ancora odore di lessia.

Quello che aggiustava con punti di ferro filato i vasi di terracotta,-quello che spaccava le pietre,-quello che impagliava le sedie -e poi il ramaio sono mestieri che si sono perduti. Sto ancora qua dove mi sono fermato -davanti a questo presepe che è vivente,-è tanto bello che mi sono incantato -e tante cose mi vengono alla mente. -Mi ricordo quando eravamo ragazzi,-la carta con la ponnula (colla tipica dei calzolai)incollata,-sopra il tavolo noi con i ceppi di vite -facevamo il presepe di una volta. -I suonatori che con il violino- concertavano qualche pastorale,-e quando poi nasceva Gesù Bambino -quanti canti la notte di Natale. -Quanto era bello tanto tempo fa,-quanto è bello ogni anno il presepe,-penso queste cose e chiedo al Signore -per tutti quanti pace e tanto amore.

Poesia segnalata al Premio internazionale di poesia Piccapane

3 thoughts on ““Tantu tiempu arretu” by De Leo Antonio

  1. Ecco, anche il Presepe diventa storia !Storia dei vecchi mestieri ormai scomparsi, ma che ancora sono vivi nella memoria ;col ricordo del volto e delle mani di quegli artigiani abili ed attenti nel loro lavoro e noi bambini intorno a guardare incantati. Ricordo del profumo di bucato fatto con la cenere, e la pasta fatta in casa dalla nonna..E’ questo il fagotto più bello che rappresenta la nostra salentinità più vera e genuina di cui essere i custodi più attenti col sano orgoglio della nostra autenticità.

  2. Il PRESEPE che ci ricorda il miracolo della nascita narrato con tanta “alacrità” : tutto il mondo dei personaggi all’ opera a cui si aggiunge la dolcezza della musica che ci meraviglia ogni anno come la prima volta!
    L’ ho letta e riletta questa bellissima poesia e l’ ho mandata in dono ad un mio amico che è divenuto padre da pochi giorni bellezza porta bellezza , pace porta pace, amore porta amore……

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...