“Piccola spiga” by Matteucci Nicola

spiga di grano

Volevi andartene come una spiga senza reste;
non ti avrebbe abbandonata quella guaina
e sarebbe cresciuta con te
per continuare ad avvolgerti.Ti puntava una pistola il sole in faccia
e sentivi che era la levata,
quanto sale già allora sudato,
maggio con la prima sigaretta
fumata in un campo di culmi
sempre più alti di te.

Ma sei arrivata piccola spiga
e quella foglia così materna,
mentre ti corteggiano altre intorno,
è sempre lì con te
e con te ancora un po’ è cresciuta
per sapere come avvolgerti a quest’età.

Non potrai poi evitare il mondo:

verrà a cercarti a casa, giovane pannocchia!

con quelle trebbie assassine

e ti beccheranno galline da pollaio

o galline in giacca e cravatta.

Verrà giugno è sarà il tuo autunno;

le prime mattine d’estate il tuo tramonto;

quanti cadaveri di madri e rovine di case

in mezzo a quel campo prosciugato.

Ora che non ci sono più confini e colori

si fa mostruoso il canto dei giovani grilli.

Poesia candidata al Premio internazionale di poesia Piccapane

One thought on ““Piccola spiga” by Matteucci Nicola

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...