“Insegnamenti” by Greco Matteo

images

L’alberu de ficu me mpara cu resistu

puru quannu fiatene refili di ientu

e cadene

una dopu l’otra le speranze

e no me sentu.

La prevula me dice

ca a qualche cosa alla fin fine

m’aggiu nturtijare

e forse quannu te trovu

cu li pedi, ntra lu lettu

mieru, mieru novu

a’ da vanire.

Lu ranu  ca fusce fenc’a mmare

me dice ca sì, me pozzu fare

ranne

e giallu

cu lu pettu sterminatu

pozzu stare faccia a faccia cu le stelle

senza scornu

senza piccatu.

L’arburu de maranci

scusu e profumatu intr’ a lu sciardinu

me dice ca nci su fiuri retu ogni parite

e giurni de maggiu

pe ogni core.

La ficarigna ca spunta nn’anzi mmare

e se ne futte de lu salamastru e lu sciroccu

me dice ca nonn’è amore

se te ricordi de  sta terra nu mise all’annu

e torni giustu cu mpizzi n’ombrellone:

lu sentimentu

richiede ostinazione.

E tie, arburu de vulia,

osi le razze e faci segni

a tutte l’ure

le vene ca se inchiene

lu stomacu ca se nturtia

la vucca  spalancata,

smbra ca ‘oi mme dici

“vidi, la vita

quannu passa

comu è rraggiata!”

 

Traduzione

Insegnamenti

L’albero di fico mi insegna a resistere

anche quando soffiano raffiche di vento

e cadono

una dopo l’altra le speranze

e non mi sento bene.

La pergola mi dice

che a qualche cosa alla fine

mi dovrò attorcigliare

e forse quando ti trovo

con i piedi, nel letto

vino, vino nuovo

dovrà venire.

Il grano ch corre fino a mare

mi dice di sì, che mi posso fare

grande

e giallo

con il petto sterminato

posso stare faccia a faccia con le stelle

senza imbarazzo

senza peccato.

L’albero di aranci

nascosto e profumato nel giardino

mi dice che ci sono fiori dietro ad ogni muro

e giorni di maggio

per ogni cuore.

Il fico d’India che spunta vicino al mare

e se ne frega del salmastro e dello scirocco

mi dice che non è amore

se ti ricordi di questa terra un mese all’anno

e torni giusto per piantare l’ombrellone:

il sentimento

richiede ostinazione.

E tu, albero di ulivo,

alzi le braccia e fai segni

a tutte le ore

le vene che si gonfiano

lo stomaco che si attorciglia

la bocca spalancata,

sembra che vuoi dirmi

“vedi, la vita

quando passa

come è agitata!”

Poesia candidata al Premio internazionale di poesia Piccapane

4 thoughts on ““Insegnamenti” by Greco Matteo

  1. C’è tutta la saggezza degli occhi e dell’anima che sa guardare alla natura della nostra terra e trarne insegnamento con amore e profondità di sentire. Bello quest’insegnamento da alberi radicat, ci dicono di restare e lottare perchè la tenacia e il credo alla fine danno la giusta ricompensa.

  2. L’ulivo, maggio, la bocca spalancata e le arance, sono descrizione di una vita intensa che si confronta con l’essenza grezza dell’essere, nella conclusione di natura per proporre un futuro intenzionale.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...